•  Telefono 051 231718

FOLLOW US ON

La Pinacoteca Nazionale Di Bologna e Biblioteca Università dove mangiare

La Pinacoteca Nazionale di Bologna è una pinacoteca italiana, con sede a Bologna in via delle Belle Arti 56 nell’ex noviziato gesuita di Sant’Ignazio al quartiere universitario, nello stesso edificio storico che ospita l’Accademia di belle arti. Il museo offre una vasta panoramica della pittura emiliana dal XIII al XVIII secolo, tuttavia non mancano testimonianze fondamentali di artisti non bolognesi che ebbero contatti con la città.

Storia

Le origini: l’Accademia Clementina e l’Appartamento del Gonfaloniere

Primo nucleo della futura Pinacoteca fu l’acquisto nel 1762, da parte di monsignor Giacomo Zambeccari, di otto tavole del primo Cinquecento provenienti dalla demolizione della chiesa di Santa Maria Maddalena, per l’Istituto delle Scienze e destinate ad essere conservate nell’Accademia Clementina, la sezione artistica dell’Istituto scientifico. Nel 1776, sempre per l’Accademia Clementina, vennero acquistate una dozzina di tavole trecentesche e di icone bizantine, provenienti dal lascito di Urbano Savorgnan, già site nell’Oratorio di San Filippo Neri.

Altro polo di conservazione cittadino fu l’Appartamento del Gonfaloniere nel Palazzo Pubblico, dove accanto ad opere come la Pala del Voto di Guido Reni, lì conservate per l’alto significato civico, vennero incamerati, fin dall’ultimo scorcio del Seicento, dipinti della scuola di Raffaello, di Lavinia Fontana e di Annibale Carracci.

Quadreria dell’Accademia di belle arti

Nel 1796 con la caduta del regime pontificio e con la nuova legislazione repubblicana, che portò alla soppressione di numerosi conventi, di tutte le corporazioni dei mestieri e allo smantellamento delle sedi dell’antico regime, il senato bolognese decise di raccogliere i dipinti delle chiese e dei conventi soppressi e dell’Accademia delle Scienze in un’unica collezione, raccogliendo quasi un migliaio di opere, sistemate prima nell’ex Convento di San Vitale; poi nel 1802 presso l’ex noviziato gesuita di Sant’Ignazio nel Borgo della Paglia, attualmente via delle Belle Arti 56, realizzato nel 1726 da Alfonso Torreggiani, come quadreria della neonata Accademia Nazionale di belle arti.

Otto e Novecento

Sistemazione del salone degli affreschi, 1972

Con la caduta dell’Impero napoleonico nel 1815, molte opere requisite dai francesi a seguito delle spoliazioni napoleoniche ritornarono dal Louvre in città. A quel tempo risale il primo intervento di ampliamento ad opera di Leandro Marconi. Del 1826 fu il primo catalogo ad opera di Gaetano Giordani. Ampliata nel 1844, includendovi la cappella del Convento, affrescata nella volta con l’Apoteosi di Sant’Ignazio. Tra il 186768, vennero incamerati molti dipinti provenienti da altre soppressioni, nel 1875 venne aperta regolarmente al pubblico, nel 1882 la Quadreria venne resa autonoma dall’Accademia e, nel 1884, vennero acquistate le Collezioni Zambeccari.

Ai primi del Novecento venne realizzata una nuova ala su progetto di Edoardo Collamarini. Alla fine degli anni sessanta, sotto il soprintendente Cesare Gnudi e su progetto di Leone Pancaldi, venne realizzato il Salone del Rinascimento e vennero collocati gli affreschi staccati della chiesetta di Sant’Apollonia di Mezzaratta. Nel 1997 la Pinacoteca è stata completamente rinnovata e adeguata agli standard europei, dotandola inoltre di uno spazio espositivo adibito esclusivamente alle mostre temporanee e all’attività didattica. La pinacoteca è oggi da annoverare tra le più moderne e importanti gallerie nazionali, conosciuta e apprezzata anche all’estero.

 

BIBLIOTECA UNIVERSITA’ DI BOLOGNA

  • POSSIBILI LIMITAZIONI NELL’ACCESSO ALLA RACCOLTA ANTICA

    30 aprile 2019. In ottemperanza alle prescrizioni impartite allo staff da parte del Servizio di Protezione e Prevenzione dell’Università di Bologna, potrebbe non essere possibile l’accesso ad alcune collocazioni. In tali casi, i richiedenti saranno informati dell’impossibilità del prelievo e/o dell’eventuale possibilità di ricevere in consultazione il documento a partire dal mercoledì della settimana successiva. Ci scusiamo per il disagio

  • POSSIBILI LIMITAZIONI NELL’ACCESSO ALLA RACCOLTA ANTICA

    30 aprile 2019. In ottemperanza alle prescrizioni impartite allo staff da parte del Servizio di Protezione e Prevenzione dell’Università di Bologna, potrebbe non essere possibile l’accesso ad alcune collocazioni. In tali casi, i richiedenti saranno informati dell’impossibilità del prelievo e/o dell’eventuale possibilità di ricevere in consultazione il documento a partire dal mercoledì della settimana successiva. Ci scusiamo per il disagio

  • POSSIBILI LIMITAZIONI NELL’ACCESSO ALLA RACCOLTA ANTICA

    30 aprile 2019. In ottemperanza alle prescrizioni impartite allo staff da parte del Servizio di Protezione e Prevenzione dell’Università di Bologna, potrebbe non essere possibile l’accesso ad alcune collocazioni. In tali casi, i richiedenti saranno informati dell’impossibilità del prelievo e/o dell’eventuale possibilità di ricevere in consultazione il documento a partire dal mercoledì della settimana successiva. Ci scusiamo per il disagio

In primo piano

  • Aula Lunga

    MOSTRE ON LINE

    Visita le sale della Biblioteca Universitaria e scopri il suo patrimonio storico-artistico senza spostarti da casa

    Se vuoi approfondire secoli di storia e arte in un itinerario tra sale affrescate, antichi arredi e libri, puoi prenotare una visita guidata gratuita.

  • Lettori

    MOSTRE ON LINE

    Lettori – fotografie di Rodrigo Pais

    Seleziona l’ambiente che ti interessa e vedi tutte le foto in mostra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 − tre =