•  Telefono 051 231718

FOLLOW US ON

Aeroporto di Bologna offerte turistiche dove mangiare a Bologna in centro storico

Storia

Le origini

Un B767-300ER American Airlines impiegato sulla rotta quadrisettimanale Bologna-Philadelphia operata durante l’estate 2019

Il Concorde nelle manovre di decollo da Bologna

Veduta della Torre di Controllo e del Terminal passeggeri dal piazzale aeromobili

Dal primo aerodromo, intitolato a Fausto Pesci, fu operato il primo servizio di linea da Bologna, il 2 settembre 1933.[1]

Gli anni ’70

Negli anni 70 il piccolo terminal era alla fine di via dell’Aeroporto, 500 metri più a ovest dell’attuale. Oggi sul luogo sono rimasti un tennis club e un ristorante.[senza fonte]

Gli anni ’80

Il 18 aprile 1987 alle ore 11:28 locali atterrò il volo AF4656 Parigi CDG – Bologna BLQ: un Concorde F-BVFB ovvero la punta di diamante della flotta Air France.[2] L’aeromobile fu noleggiato per l’occasione da un’azienda di Modena (la Stilgres Spa di Giacobazzi) per i suoi dipendenti.[3] Tra il 1987 e il 1988 il Concorde ritornerà a Bologna altre 2 volte, una Air France e una British Airways.[2]

Gli anni ’90

Il 2 luglio 1990, lo stesso giorno, Air France e Lufthansa avviano le tratte giornaliere verso Parigi e Francoforte. Negli anni a venire, venne completato il terminal e aumentarono le linee sia regolari sia charter.[4]

Gli anni duemila

Nell’estate del 2004 lavori per l’allungamento della pista dell’aeroporto la portano a raggiungere i 2,8 km.

A luglio 2008 la compagnia aerea low cost Ryanair decide di trasferire tutti i voli internazionali dall’aeroporto “Luigi Ridolfi” di Forlì a quello di Bologna. Nel 2009, dopo l’abbandono definitivo di Forlì da parte di Ryanair, viene aperta una base a Bologna, inizialmente con due aeromobili, divenuti poi tre nel 2010. Tutto ciò inverte il calo di passeggeri avvenuto a Bologna tra il 2007 e il 2008, portando anzi una notevole crescita dal 2009 in avanti.

L’aeroporto di Bologna è stato insignito dell’ACI Europe Best Airport Awards per l’anno 2009 nella categoria aeroporti da 1 a 5 milioni di passeggeri, sottraendo il premio a Torino-Caselle.[5]

Gli anni duemiladieci

L’11 settembre 2013 viene siglato presso l’aeroporto di Bologna un nuovo accordo quinquennale per la crescita, che vedrà il traffico Ryanair a Bologna crescere del 20%, passando da 2,1 milioni di passeggeri a 2,5 milioni entro il 2018. Complessivamente presso lo scalo emiliano saranno basati 5 aeromobili, per un totale di 33 rotte e 314 voli settimanali.[6][7]

Per il periodo 2011-2013, alla luce dell’aumento di passeggeri registrato negli ultimi anni, l’Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna ha programmato un importante intervento di riqualifica e ampliamento del Terminal, che ha riguardato l’80% delle aree ed un aumento degli spazi di 5 000 , con un investimento totale di 26 milioni di euro. L’aeroporto è cresciuto in dimensioni, passando dai precedenti 31 100 m² a una superficie complessiva del terminal di 36 100 m². Ciò ha portato ad un incremento del numero di gates (da 20 a 24) e dei varchi dedicati ai controlli di sicurezza (da 7 a 10). È stata creata un’unica area check-in con 64 banchi raccolti in 3 isole. Sono stati inoltre realizzati 3 pontili per l’imbarco dei passeggeri. Grande rilievo ha assunto l’area dedicata alle attività commerciali (i negozi erano 29 a fronte degli attuali 35), e in particolare, le aree commerciali dal lato air side (ovvero nella zona imbarchi, dopo il passaggio dei controlli di sicurezza) sono raddoppiate (+136%), mentre quelle all’ingresso dell’aerostazione lato land side sono aumentate del 38%. È stato infine realizzato un nuovo impianto di smistamento bagagli BHS, costituito da circa 5 km di nastri trasportatori che permette una capacità oraria di 2500 bagagli e 10 milioni di passeggeri all’anno. I lavori si sono conclusi nell’autunno del 2013.

I numeri del progetto:
Prima Dopo
Superficie totale (m²) 31.100 36.100
Superficie dedicata attività commerciali (m²) 3.700 5.500
N° Gate 20 24
N° Varchi Sicurezza 7 10
N° Servizi igienici 120 152
N° Pontili d’imbarco 0 3

Nei primi giorni del 2019 è stato approvato il nuovo piano di sviluppo (2018-2023)[8] che prevede l’aggiunta verso ovest di un avancorpo a tre livelli, un ampliamento dell’attuale terminal dagli attuali 130m a 300m. Sul lato aria vi sarà poi la riconfigurazione della zona dei parcheggi degli aeromobili e dei raccordi adiacenti, il riposizionamento della caserma dei Vigili del Fuoco, la realizzazione di una nuova area cargo e di una nuova piazzola de-icing di 29.000 m² con un fabbricato di 800 m² per lo stoccaggio dei mezzi e dei liquidi per il trattamento degli aerei. Sul lato terra vi sarà un prolungamento del terminal verso est con la scomparsa dell’attuale palazzina direzionale, la realizzazione di un nuovo parcheggio multipiano e un miglioramento della viabilità di accesso all’aerostazione. Infine nell’estate del 2019 verrà inaugurato il People Mover, una monorotaia sopraelevata di 5,095 km che in 7 minuti collegherà il Terminal passeggeri e la Stazione Centrale con una fermata intermedia al Lazzaretto, con un tempo di attesa di 3 minuti e mezzo. Le tre navette bidirezionali a trazione elettrica saranno composte ognuna da due vagoni su ruote gommate con una capienza di 50 passeggeri e con una velocità media di 40 km/h permettendo una capienza oraria di 560 passeggeri. Della realizzazione di quest’infrastruttura si sta occupando la società Marconi Express S.p.A.[9][10]

Nel sedime aeroportuale è presente il Terminal cargo utilizzato per trattare le merci in arrivo e partenza dai voli di aviazione commerciale. Esso è costituito da un edificio con una superficie di circa 4.500 metri quadri suddiviso in due livelli: il piano terra, con le aree operative, il magazzino di temporanea custodia e altre aree di deposito, ed il primo piano, che ospita gli uffici degli spedizionieri e dei vettori DHL, UPS, TNT, Lufthansa, British Airways, Emirates, Turkish Airlines e Aeroflot attualmente operanti nello scalo. Il traffico cargo nel 2018 è stato pari a 52.681 tonnellate, risultando quindi il quinto scalo italiano per volumi di traffico merci.

Sviluppo delle rotte

Visuale del piano superiore del Terminal passeggeri adibito alle partenze

Il 3 novembre 2015 poco dopo le 12:00 è atterrato il primo volo diretto Bologna-Dubai operato dalla compagnia aerea Emirates, la nuova rotta viene operata giornalmente impiegando un Boeing 777-300ER con una configurazione a tre classi (First Class 8 posti, Business Class 42 posti e Economy Class 310 posti). Il volo è programmato in partenza da Dubai alle 09:00 (ora locale) e in arrivo a Bologna alle 13:50, la partenza da Bologna è invece fissata per le 15:35 con arrivo a Dubai alle 23:30 (ora locale). Questa rotta permette ai passeggeri di raggiungere con un solo scalo le 158 destinazioni in tutto il mondo del network di Emirates.[11]

Nel 2018 sono stati festeggiati i 10 anni di Ryanair a Bologna. La compagnia low cost Irlandese ha iniziato le operazioni nell’Ottobre 2008 con 2 aerei basati e 6 destinazioni servite per poi passare a 7 aerei basati e 50 destinazioni servite nell’Ottobre 2018 collegando direttamente l’Aeroporto Emiliano con 18 paesi. Nel 2019 le destinazioni sono aumentate a 57 e i paesi collegati con voli diretti sono diventati 21.

Un Boeing 787-900 Dreamliner Neos Air in partenza per Pointe-à-Pitre

Il 16 febbraio 2019 poco prima delle 12:00 è atterrato per la prima volta nella storia dello scalo il Boeing 787-900 Dreamliner della compagnia italiana Neos Air per effettuare una rotazione charter sull’Aeroporto caraibico di Pointe-à-Pitre per conto di Costa Crociere. L’aeromobile impiegato presenta una configurazione a due classi (Premium 28 posti e Economy 331 posti).[12]

Il 7 giugno 2019 poco dopo le 9:00 è atterrato il primo volo diretto Bologna-Philadelphia operato dalla compagnia aerea American Airlines, la rotta aveva frequenza quadrisettimanale (Lunedì, Mercoledì, Venerdì e Domenica) ed era effettuata con Boeing 767-300ER con una configurazione a tre classi (Business 28 posti, Main Cabin Extra 21 posti e Main Cabin 160 posti). Il volo era programmato in partenza da Philadelphia alle 18:40 (ora locale) e in arrivo a Bologna alle 9:15 del giorno successivo, la partenza da Bologna era fissata per le 12:10 con arrivo a Philadelphia alle 15:40 (ora locale). Questa rotta permetteva ai passeggeri di raggiungere con un solo scalo le oltre 240 destinazioni negli Stati Uniti oltre a Canada, Caraibi e Messico servite dalla compagnia di bandiera Americana mediante oltre 400 voli giornalieri. Il volo è stato operato fino al 27 settembre 2019.[13]

Nella stagione estiva 2019 sono state inaugurate nuove rotte tra cui Philadelphia (American Airlines), Helsinki (Finnair), Heraklion (Ryanair), Kos (Ryanair), Karpathos (Blue Panorama), Stoccarda (LaudaMotion), Corfù (Ryanair), Crotone (Ryanair), Marsiglia (Ryanair), Niš (Air Serbia), Podgorica (Ryanair) e Sharm El Sheik (Air Cairo) oltre all’aggiunta di nuove frequenze sulle rotte già esistenti e alle novità dell’inverno 2018/2019 che verranno riproposte anche per la stagione estiva come Amman (Ryanair), Düsseldorf (Eurowings), Kaunas (Ryanair), Londra Luton (Ryanair), Tbilisi (Georgian Airways) e Vienna (LaudaMotion).[14]

Nella stagione invernale 2019/2020 saranno inaugurate nuove rotte tra cui Fuerteventura (Ryanair), Katowice (Ryanair), Kutaisi (Ryanair) (Wizz Air), Santander (Ryanair), Tel-Aviv (Ryanair) e Tirana (Air Albania) oltre all’aggiunta di nuove frequenze sulle rotte già esistenti e alle novità dell’estate 2019 che verranno riproposte anche nella stagione invernale come Bordeaux (Ryanair), Crotone (Ryanair), Marsiglia (Ryanair), Niš (Air Serbia), Podgorica (Ryanair), Sharm El Sheik (Air Cairo) e Stoccarda (LaudaMotion).[15]

Nella stagione estiva 2020 saranno inaugurate nuove rotte quali Cefalonia (Ryanair), Cracovia (Wizz Air) e Varsavia (Wizz Air) oltre all’aggiunta di nuove frequenze sulle rotte già esistenti e alle novità dell’estate 2019 e dell’inverno 2019/2020 che verranno riproposte anche nella stagione estiva come Fuerteventura (Ryanair), Helsinki (Finnair), Katowice (Ryanair), Kutaisi (Wizz Air), Santander (Ryanair) e Tel-Aviv (Ryanair).

Dati tecnici

Lamborghini Huracan LP 580-2 usata come “Follow Me” per guidare gli aerei al parcheggio

L’Aeroporto di Bologna è dotato di una sola pista (allungata nell’estate del 2004) di 2803 m la cui larghezza è di 45 m e con orientamento 12/30. La superficie occupata dalla pista di volo è di 168.000 m², dalla pista di rullaggio e dai raccordi è di 163.000 m² e quella dei piazzali degli aeromobili è di 155.500 m² (28 stand per aerei passeggeri (tra cui 3 per aerei cargo e 3 per aerei wide-body) e 5 General Aviation).
Essa è orientata a 115° (o a 295°, a seconda della direzione di utilizzo). La pista è dotata di ILS e PAPI in entrambe le direzioni, precisamente di CAT IIIB per la RWY 12 e di CAT I per la RWY 30. Generalmente, per gli atterraggi, viene utilizzata la pista 12. Durante le procedure di avvicinamento ILS gli aerei effettuano l’atterraggio con una prua orientata a 115° ed una frequenza NAV di 108,90. Nelle giornate in cui il vento spira da W – NW gli aerei in decollo ed atterraggio usano la pista 30.

Caratteristiche tecniche della pista:[16]
RWY TORA ASDA TODA LDA
12 2803 2920 2803 2493
30 2803 2860 2803 2438

Terminal

L’Aeroporto di Bologna è formato da un unico terminal che si sviluppa su due piani:

– Al piano terra nel lato land side si trovano le tre isole check-in composte da 64 banchi (Check-in A 1-22, Check-in B 23-42, Check-in C 43-64), una zona dotata di bilance per il peso dei bagagli (Repack & Go), due sportelli Bancomat (Intesa Sanpaolo), due macchine per l’imballaggio dei bagagli (SafeBag), un banco informazioni, una zona adibita all’attesa dei passeggeri con assistenza speciale (special assistance waiting area), sei punti di ristoro tra cui quattro bar (Tentazioni Café, Puro Gusto, Vecchia Malga Gastronomia e Bottega Prosecco Bar & Restaurant) un ristorante (Vecchia Bologna) e una pizzeria (Vecchia Malga), tre biglietterie (Emirates, Are e Alisud), uno spazio espositivo Automobili Lamborghini, una Farmacia, una tabaccheria (Relay), un ufficio della Polizia Municipale, gli uffici degli autonoleggi, un ufficio per il cambio valuta (Travelex), un supermercato (Carrefour Express), un banco informazioni per l’accoglienza turistica (Bologna Welcome), due uffici VAT refund (Agenzia delle Dogane e dei Monopoli), varie attività commerciali (tra cui Libreria Mondadori, Kiko Milano, La Barbiera e Pastificio Di Martino) e infine la zona degli arrivi, schengen ed extra schengen, e l’ufficio assistenza bagagli (Lost & Found).

– Al piano superiore nel lato land side si trovano due bar (La Ghiotta e Beercode Kitchen & Bar), una sala adibita ai passeggeri con assistenza speciale (Sala Amica), un ufficio per il cambio valuta (Travelex), varie attività commerciali (tra cui Ferrari Store e Victoria’s Secret), una tabaccheria (Relay), l’accesso ai controlli di sicurezza (nove varchi) con corsia dedicata a famiglie, passeggeri a ridotta mobilità e passeggeri in possesso di carta d’imbarco Fast Track, un ufficio della Polizia di Stato, il varco staff & crew dove è collocato anche il deposito bagagli e la Marconi Business Lounge (5:00-23:30) che offre: un accesso diretto alla sala imbarchi, un’area relax con selezione di bevande caffetteria e buffet e un servizio Vip dedicato, YouFirst, con accoglienza dal momento dell’arrivo in Aeroporto per tutta la permanenza fino all’aeromobile.

– Al piano terra il lato air side è diviso in due aree: quella schengen composta da 6 nastri riconsegna bagagli, un accesso diretto alla sala imbarchi per i passeggeri in transito, uno sportello bancomat ATM e quella extra-schengen composta da 5 nastri riconsegna bagagli, sei postazioni della Polizia di Frontiera per il controllo dei documenti con corsia dedicata a famiglie, passeggeri a ridotta mobilità e passeggeri in transito (tre linee ABC Gates per il controllo automatico dei passaporti biometrici; Europa, Australia, Canada, Israele, Giappone, Nuova Zelanda, Corea del Sud, Taiwan e Stati Uniti) e uno sportello bancomat ATM. In questa zona dell’aerostazione è inoltre collocato l’ufficio assistenza bagagli (Lost & Found), gli uffici dell’Agenzia delle Dogane e della Guardia di Finanza.

– Al piano superiore il lato air side è diviso in due aree: quella schengen composta da 15 gates (da 1 a 15), quattro punti di ristoro tra cui due bar (Vecchia Bologna e Vecchia Malga) e due ristoranti (Vecchia Malga e Sky Lounge Bar), un ufficio per il cambio valuta (Travelex) dotato di uno sportello bancomat ATM, una sala adibita ai passeggeri con assistenza speciale (Sala Amica) e varie attività commerciali (tra cui il Duty Free gestito da Heinemann, Ducati Store, Piquadro, Carpisa, Aeronautica Militare, Macron, Furla, Cioccolateria Venchi, Ingram, Yamamay e De Nigris) e quella extra-schengen composta da 8 gates (da 17 a 24), cinque postazioni della Polizia di Frontiera per il controllo dei documenti con corsia dedicata a famiglie e passeggeri a ridotta mobilità (tre linee ABC Gates per il controllo automatico dei passaporti biometrici; Europa, Australia, Canada, Israele, Giappone, Nuova Zelanda, Corea del Sud, Taiwan e Stati Uniti), il Duty Free gestito da Heinemann e due punti di ristoro tra cui un bar ed un ristornate (La Ghiotta).

– Al piano terra lato esterno del Terminal di fronte all’uscita principale è presente la corsia Kiss & Fly adibita alla sosta veloce (10 minuti gratis) usata per accompagnare o riprendere i passeggeri, la fermata dei Taxi, il parcheggio bus con collegamenti per le principali città, la fermata dell’Aerobus-BLQ un autobus-navetta ad alta frequenza (5:30-00:15 ogni 10/15 minuti) che collega l’Aeroporto con la Stazione Centrale al costo di 6€ e infine la fermata della navetta gratuita H24 per raggiungere i parcheggi P4 e P6.

– Al piano superiore lato esterno del Terminal di fronte all’uscita principale è presente la corsia Kiss & Fly adibita alla sosta veloce (10 minuti gratis) usata per accompagnare o riprendere i passeggeri e la passerella coperta che collega il Terminal passeggeri con la stazione di partenza del People Mover, una monorotaia sopraelevata che in 7 minuti collega l’Aeroporto con la Stazione Centrale.

L’Aeroporto offre il servizio PRM (Assistenza Passeggeri a Ridotta Mobilità in partenza, arrivo e transito) che opera sia all’esterno del Terminal, con l’assistenza nella zona dei parcheggi, dei taxi e dei bus, sia all’interno del Terminal, con l’assistenza dai banchi check-in fino ai gates d’imbarco, che nell’area Airside dell’aerostazione tramite navette allestite appositamente per il trasporto dei disabili ed eleveatori (Ambulift) utilizzati per i passeggeri che non possono fruire delle scale dell’aeromobile. La richiesta di assistenza deve essere notificata alla Compagnia aerea già nella fase di prenotazione del volo entro 48 ore prima della partenza, il passeggero che necessita di assistenza deve presentarsi in Aeroporto almeno 90 minuti prima della partenza del volo.

Tutte le aree sono dotate di punti di ricarica per dispositivi elettronici (Re-Charge Point), carrelli portabagagli e di servizio WI-FI gratuito.

Dati di traffico

Nel 2016 con 7.680.992 passeggeri è risultato essere il settimo aeroporto italiano più trafficato. Nel dettaglio, i passeggeri su voli internazionali sono stati 5.765.046, mentre quelli su voli nazionali sono stati 1.917.501. Lunedì 5 settembre è risultato essere il giorno più trafficato con 29.633 passeggeri tra arrivi e partenze. Le 10 rotte più trafficate sono state Londra (550.000 passeggeri), Parigi (420.000 passeggeri), Catania (320.000 passeggeri), Madrid, Francoforte, Barcellona, Palermo, Roma Fiumicino, Bucarest, Amsterdam.

Nel 2017 con 8.181.654 passeggeri è risultato essere l’ottavo aeroporto italiano più trafficato. Nel dettaglio, i passeggeri su voli internazionali sono stati 6.249.972, mentre quelli su voli nazionali sono stati 1.939.900. Lunedì 24 luglio è risultato essere il giorno più trafficato con 29.691 passeggeri tra arrivi e partenze. Le 10 rotte più trafficate sono state Londra (590.000 passeggeri), Parigi (390.000 passeggeri), Catania (360.000 passeggeri), Francoforte, Barcellona, Madrid, Palermo, Roma Fiumicino, Bucarest e Monaco.

Nel 2018 con 8.506.658 passeggeri è risultato essere l’ottavo aeroporto italiano più trafficato. Nel dettaglio, i passeggeri su voli internazionali sono stati 6.524.197, mentre quelli su voli nazionali sono stati 1.975.283. Domenica 19 agosto è risultato essere il giorno più trafficato con 32.195 passeggeri tra arrivi e partenze. Le 10 rotte più trafficate sono state Londra (620.000 passeggeri), Parigi (400.000 passeggeri), Catania (396.000 passeggeri), Barcellona, Francoforte, Roma Fiumicino, Palermo, Madrid, Amsterdam e Monaco.

Statistiche generali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove + uno =