•  Telefono 051 231718

FOLLOW US ON

Cena capodanno a Bologna centro – Menù completo Matusel

La cena di capodanno a Bologna centro sarà impostata su due possibili orari, dalle 19:00 alle 22:00 e dalle 22,30 in poi.

 

MENÙ CLASSICO BOLOGNESE

 

ANTIPASTO

  • SALUMI MISTI E FORMAGGI CON CRESCENTINE FRITTE E TIGELLE

PRIMI PIATTI

  • TORTELLACCI AI PORCINI
  • LASAGNA AL FORNO CLASSICA BOLOGNESE

SECONDI PIATTI

  • ARROSTO MISTO
  • ZUPPA CLASSICA DI LENTICCHIE
  • COTECHINO CON CONTORNO DI PATATE AL FORNO
  • VERDURE ALLA GRIGLIA

DOLCE

  • PANETTONE RIPIENO AL MASCARPONE

VINO E BOLLICINE

  • ACQUA E VINO DELLA CASA COMPRESI (1 CARAFFA OGNI 2 PERSONE)
  • BRINDISI CON SPUMANTE PROSECCO MILLESIMATO

 

MENÙ COMPLETO: € 50.00 A PERSONA

SU RICHIESTA:

  • CHAMPAGNE:  maggiorazione € 50,00 a bottiglia
  • FRANCIACORTA: maggiorazione € 30,00 a bottiglia

 

N.B. Escluso tutto quanto non espressamente specificato

ROGO DEL VECCHIONE

Non si può parlare di capodanno a Bologna senza parlare del Rogo del Vecchione, la vera principale tradizione locale per l’ultimo giorno dell’anno. Una tradizione che risale al XIX secolo, con il rogo che simboleggia la fine dell’anno appena concluso.

Il vecchione altro non è che un enorme fantoccio di paglia e stracci, riempito di petardi. Con il tempo il messaggio di questa tradizione è diventato pacifista e, da una ventina di anni, il compito di realizzare il Vecchione viene affidato a degli artisti locali, che scelgono un tema per rappresentare l’anno che è appena passato.

Anche per la realizzazione pratica ci sono indicazione precise: l’altezza non deve essere inferiore ai 12 metri e l’opera deve essere interamente realizzata con materiali non inquinanti come legno, carta, cartone, stoffe naturali come cotone e yuta.

Quest’anno è stato ideato un Vecchione Partecipato: saranno infatti le famiglie, i bambini e i cittadini a costruirlo, sia portando da casa oggetti in legno che non servono più (per sempio porte, cassetti, finestre, tavoli e sedie) che attraverso una serie di laboratori.

A dare una forma e un progetto artistico a tutti questi oggetti ci penseranno i Cantieri Meticci, in collaborazione con il Dipartimento educativo MAMbo e “Senza titolo” – Progetti aperti alla cultura.

MUSICA IN PIAZZA

Il Rogo del Vecchione è l’evento principiale del capodanno in piazza Maggiore, sempre frequentatissimo da tutti quelli che vogliono festeggiare all’aria aperta e senza particolari programmi. La parte musicale della serata sarà caratterizzata da una grande festa da ballo: la colononna sonora sarà la musica, di ogni genere e provenienza, appositamente scelta per l’occasione da un gruppo di storici dj bolognesi.

Questa serata è infatti inserita all’interno di DancingBo, una cinque giorni di iniziative per portare la bellezza del ballo in 16 luoghi scelti in giro per la città. Maggiori informazioni nella pagina dell’evento.

400 danzatori faranno conoscere tantissimi balli diversi (lindy hop, tango, danza classica, valzer, break dance, balli di gruppo, latino americani, folk, etnici e tradizionali) ai cittadini, in cinque giorni che si annunciano pieni di allegria.

A chiudere l’evento, per salutare al meglio l’inizio del Nuovo Anno, il 1 gennaio verrà organizzato un valzer, accompagnato da danze tradizionali di diverse parti del mondo, direttamente in Piazza Maggiore.

LUCIO DALLA

Per i bolognesi e i turisti, in queste vacanze natalizie, ci sarà anche una tappa obbligata per le strade di Bologna. Il luogo è via D’Azeglio e il motivo sono le speciali luminarie realizzate in onore di Lucio Dalla che, nella stessa via, aveva vissuto a lungo.

Queste luminarie, realizzate appositamente dall’artigiano napoletano Antonio Spezia, raccontano il testo della canzone L’anno che verrà: un buon auspicio per il nuovo anno e un modo speciale di ricordare uno dei più celebri bolognesi.